Filosofia e nuovi sentieri

«Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati, oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. L’un compito è proprio del genio che crea, l’altro della perspicacia che perfeziona» Denis Diderot

Esistenze rammendate. Un saggio sociologico-filosofico di Riccardo Mazzeo

Lascia un commento

La vita ci fa male. Ci strugge, nelle delusioni di quegli amori che non sanno essere all’altezza delle aspettative dei sentimenti più profondi; ci lacera, lasciandoci a macerare dentro relazioni malsane con i nostri genitori, reduci della nostra infanzia mal digerita, forse fraintesa, e mai del tutto oltrepassata; ci logora, ci urta, ci ammacca con le migliaia di incontri che ci portano ad avere a che fare con gente d’ogni risma, sul lavoro, per la strada, sul pianerottolo di casa. La frenesia dei nostri giorni globali ha velocizzato queste collisioni e ne ha aumentato la frequenza, e il cosiddetto “digitale” – soprattutto nel senso del social networking – ha amplificato a dismisura la voce di quegli imbecilli cui prima nessuno avrebbe dato ascolto, ma che ora possono far del male anche a distanze inusitate. Quando la pressione è alta e continua, è fatale che qualcosa, prima o poi, si strappi: è il momento in cui può crearsi un cedimento, lo scivolamento nella depressione o nella psicosi; ma c’è un’altra possibilità: quella di superare il trauma – non di cancellarlo, ché niente del nostro passato si cancella o si supera mai del tutto – per riprendere il controllo della propria esistenza, senza perderne il tessuto, ripristinandone l’integrità e magari rinforzandola…

Riccardo Mazzeo, in questo suo ultimo Esistenza rammendate (ed. Mimesis), ci parla – con il suo consueto incantevole modo di trattare con leggerezza le questioni più lancinanti, a cavallo tra filosofia classica e pop culture, la sociologia contemporanea e la psicanalisi lacaniana, la poetica di proust e Flaubert e la narrativa di genere, la grande letteratura mainstream e il cinema noir – ci parla dell’infrangersi del grande sogno della ragione – l’utopia di quella ragione che, storicamente, più pretendeva di affermare se stessa in senso universale, più schiacciava il singolo nelle mille forme della distruzione fisica, della schiavitù, dell’esclusione – e della violenza da cui siamo circondati, dalla quale, forse, non riusciremo mai a liberarci a sufficienza (Bauman). Ma che può essere affrontata, gestita e finanche neutralizzata, nell’ambito di una adeguata consapevolezza del mondo esterno e di sé. Difficile classificare un libro come questo, tanto intriso di elementi eterogenei che Mazzeo armonizza con intelligenza e maestria. Non resta che consigliarne a tutti la lettura: per la densità e la concretezza dell’argomentazione, unite alla semplicità dell’esposizione, ma soprattutto per la capacità di giungere al cuore del problema della violenza con cui ognuno di noi è chiamato ogni giorno a rapportarsi. La vita a volte ci dilania. Ma non c’è nulla che non possa esser rammendato.


Riccardo Mazzeo, Esistenze rammendate, ed. Mimesis, 2019.

Autore: Paolo Calabrò

Laureato in scienze dell'informazione e in filosofia, gestisco il sito ufficiale in italiano del filosofo francese Maurice Bellet. Ho collaborato con l'Opera Omnia in italiano di Raimon Panikkar. Sono redattore della rivista online «Filosofia e nuovi sentieri» e membro dell'associazione di scrittori «NapoliNoir». Ho pubblicato in volume i saggi: – Scienza e paranormale nel pensiero di Rupert Sheldrake (Progedit, 2020); – Ivan Illich. Il mondo a misura d'uomo (Pazzini, 2018); – La verità cammina con noi. Introduzione alla filosofia e alla scienza dell'umano di Maurice Bellet (Il Prato, 2014); – Le cose si toccano. Raimon Panikkar e le scienze moderne (Diabasis, 2011) e i libri di narrativa noir: – Troppa verità (2021), romanzo noir di Bertoni editore; – L'albergo o del delitto perfetto (2020), sulla manipolazione affettiva e la violenza di genere, edito da Iacobelli; – L'abiezione (2018) e L'intransigenza (2015), romanzi della collana "I gialli del Dio perverso", edita da Il Prato, ispirati alla teologia di Maurice Bellet; – C'è un sole che si muore (Il Prato, 2016), antologia di racconti gialli e noir ambientati a Napoli (e dintorni), curata insieme a Diana Lama.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...